Dalle sponde siciliane all’Europa. Il 6 ottobre a Noto

Un Congresso Internazionale sulle Migrazioni in atto all’interno del continente europeo. E uno spettacolo teatrale di Roberto Zappalà offerto alla città dall’Associazione Mediterraneo Sicilia Europa.

“Un’elementare riflessione di natura economica ci dice che le migrazioni da un paese all’altro sono per loro stessa natura virtuose, perché accrescono il prodotto globale. Infatti, ciascuno cercherà di localizzarsi là dove la sua capacità produttiva diventa più alta, con i conseguenti vantaggi per se stesso e per la sua famiglia. Pertanto la vera domanda è perché cosi pochi lo fanno? “

E’ con questo incipit che rovescia le logiche comuni che Maurizio Caserta, presidente del Centro Studi Mediterraneo Sicilia Europa annuncia il Congresso del prossimo 6 ottobre.

E’ tuttavia non sempre i migranti percepiscono il beneficio della migrazione; non sempre i residenti di un paese ricevono la quota di surplus che ne dovrebbe derivare. Da qui gli alti muri spesso eretti dai paesi destinatari di flussi migratori.

La grande governance globale (incluso quella europea) ha finora fallito nel tentativo di regolare i flussi in modo che tutti possano beneficiarne.

Read more at http://www.sudpress.it/dalle-sponde-siciliane-alleuropa-il-6-ottobre-a-noto/#YeLxGL5QwvFKP7KG.99