2020 - DAI BISOGNI AI SOGNI NELLA LOCANDA DEL SAMARITANO A CATANIA
PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LOCANDA DEL SAMARITANO CATANIA FINANZIAMENTO UNIONE BUDDHISTA ITALIANA

Contesto del Progetto è localizzato a Catania e più in generale la Sicilia ed è relativo alla povertà educativa e sociale degli adulti che implica in molti casi la difficoltà di integrazione. Il Progetto si occupa di:

  • Migranti nelle situazioni disagevoli all’arrivo in terra straniera con necessità di integrarsi a partire dalle basi della conoscenza della lingua.
  • Residenti in difficili situazioni sociali quali disagio integrativo con loro oggettive difficoltà ad ottenere servizi e prestazioni efficaci di welfare. Il disagio può essere dovuto a varie condizioni quali la malattia, la perdita del lavoro, la rottura dei legami affettivi, i fenomeni di dipendenza.

La povertà educativa si manifesta come una privazione di quelle competenze cognitive fondamentali per poter crescere e vivere in una società contemporanea sempre più caratterizzata dalla rapidità dell’innovazione e dalla conoscenza. Ma si traduce anche nel mancato sviluppo di una serie di capacità “non-cognitive” quali la motivazione, l’autostima, le aspirazioni ed i sogni, la comunicazione, la cooperazione, e l’empatia, altrettanto fondamentali per la crescita culturale dell’individuo ed il suo contributo al benessere collettivo. La definizione introdotta da Save the Children sopra citata è molto utile anche punto di vista operativo, in quanto riesce a identificare quattro dimensioni della povertà educativa.

Le quattro dimensioni operative del concetto sui quali si basa Associazione Mediterraneo Sicilia Europa sono:

  1. apprendere per comprendere, ovvero per acquisire le competenze necessarie per vivere nel mondo di oggi;
  2. apprendere per essere, ovvero per rafforzare la motivazione, la stima in sé stessi e nelle proprie capacità, coltivando aspirazioni per il futuro e maturando, allo stesso tempo, la capacità di controllare i propri sentimenti anche nelle situazioni di difficoltà e di stress;
  3. apprendere per vivere assieme, o la capacità di relazione interpersonale e sociale, di cooperazione, comunicazione, empatia, negoziazione. In sintesi, tutte quelle capacità personali (capabilities), essenziali per gli esseri umani in quanto individui sociali;
  4. apprendere per condurre una vita autonoma ed attiva, rafforzare le possibilità di vita, la salute e l’integrità, la sicurezza, come condizioni “funzionali” all’educazione.

Nella consapevolezza che, seppure la dispersione scolastica non produce sempre povertà ed esclusione sociale, è innegabile affermare che dietro molte situazioni di vulnerabilità sociale che si rivolgono alla Locanda del Samaritano si celano percorsi incompiuti di scuola e livelli qualitativi di inadeguata formazione culturale e professionale. L’approccio di analisi della povertà educativa vissuta “da grandi” è utile anche nella dimensione dell’intervento sociale e di presa in carico. L’analisi del livello formale di studio di cui sono in possesso gli utenti è infatti una variabile strategica per meglio definire e progettare i percorsi di promozione umana che è necessario attivare verso le persone che chiedono di essere aiutate:

  • per capire che tipo di inserimento occupazione è possibile prevedere;

per valutare il grado di alfabetizzazione culturale e capire quindi se la persona è in grado di orientarsi in modo autonomo nella complessità del sociale.

Finalità del progetto

Un progetto formativo e di integrazione sociale di Associazione Mediterraneo Sicilia Europa all’interno della LOCANDA DEL SAMARITANO gestita da Padre Mario Sirica

L’obiettivo delle nostre attività, all’interno di un contesto così complesso, è la crescita dell’individuo intesa come un viaggio di formazione, dove le persone a seconda delle loro età, esperienze paesi di provenienza e aspirazioni riescono a trovare una dimensione propria, una propria strada che li renda capaci, consapevoli e autonomi.

TORNA INDIETRO